Inter: il principio dell’incertezza

moratti, leonardo, lucio, sneijder, eto'o, bielsa, ancelotti, mihajlovic, abramovich, della valle, malaga, inter, paris saint germain, porto, villas boas

Situazione: Leonardo ha fatto le valigie, Bielsa ha declinato l’invito per questioni personali, Ancelotti pare sia il nuovo candidato per la guida del Paris Saint Germain, Mihajlovic prende tempo grazie anche alla magnanimità di Della Valle, Eto’o pensa alla Premier League, Lucio ha ricevuto offerte dal Malaga e deciderà dopo la Coppa America, Sneijder resta sempre nel mirino di Abramovich.

Il punto è che, ora come ora, in casa Inter la situazione è molto ondivaga e i giocatori stessi stanno vivendo momenti di totale subbuglio ed essendo in vacanza non si ha neppure la lucidità giusta per valutare. 
E’ inutile nasconderlo: la dipartita di Leo ha creato una voragine difficile da riempire. Il contraccolpo nell’ambiente ha sortito effetti soprattutto a carattere psicologico. Moratti e l’entourage adesso più che mai devono dimostrare di saperci fare e non andare alla rinfusa cercando il primo allenatore disponibile, c’è necessità di ridisegnare un progetto, subito. E di mettere sul piatto del denaro per concretizzarlo. In primis assicurarsi un ottimo allenatore per ripensare a un progetto Inter credibile, e da qui riaffrontare un mercato in funzione di questo nuovo progetto. 
Prima ci si mette in quest’ordine d’idee e prima si evitano mosse avventate e sconsiderate da parte degli agenti dei giocatori, più che i giocatori stessi. Agenti e giocatori (soprattutto quelli arrivati a una certa età) hanno bisogno di certe garanzie e sono abituati a ragionare in termini prospettici. Allo stato attuale delle cose non ci sono prospettive (di qui il subbuglio e l’incertezza, nemici di ogni razionale valutazione), e bisogna che l’Inter se le ricostruisca.

Suggerimento spassionato: Moratti si prefigga un obiettivo molto concreto e credibile. Punti a uno degli allenatori più capaci e ambiziosi del momento come Villas Boas e metta dei soldi sul piatto per strapparlo al Porto, perché il contratto che lo lega alla società di Pinto da Costa fino al 2012 è un falso problema. 

Inter: il principio dell’incertezzaultima modifica: 2011-06-17T16:11:00+00:00da magio71
Reposta per primo quest’articolo